Colpo di calore del cane : Come riconoscerlo e cosa fare



Colpo di calore del cane : Come riconoscerlo e cosa fare

Quando le temperature diventano davvero calde e superano i 30°C la pressione è messa a dura prova, in particolare quella dei nostri amici cani che, non potendo sudare, sono vittime frequenti del colpo di calore.

Per evitare il peggio, con malesseri anche gravi, è bene non lasciare gli animali per troppo tempo al sole e riconoscere subito i campanelli di allarme.

I più comuni sono 7, ovvero segnali inequivocabili della condizione di estremo calore patita dal cane e, quindi, anticamera di uno stato problematico.

    1. Ansimare affannosamente è uno dei segnali che può ricondurre al colpo di calore del cane, in particolare se seguito da vomito. Rigettare anche con frequenza e con presenza di sangue è un campanello d’allarme molto importante;
    2. Un sintomo collegato potrebbe essere la diarrea, anche se non sempre presente in caso di vomito. Nonostante possa comparire anche in concomitanza con altre patologie, la diarrea da colpo di calore presenta molte tracce ematiche;
    3. La disidratazione è un segnale associabile al colpo di calore, evidenziata da una condizione di sete estrema. Fornire l’acqua al cane è rischioso, potrebbe berla troppo velocemente rischiando di soffocare. Importante quindi condurre subito l’animale dal veterinario, il quale provvederà a ridratarlo con della soluzione fisiologica per via endovenosa;
    4. Come nel caso dell’uomo, che grazie alla pelle arrossata può constatare di aver preso troppo sole, la lingua e le gengive del cane dichiarano un malessere. Ad esempio, troppo chiare o al contrario troppo scure, con una salivazione troppo densa e difficoltà nella deglutizione;
    5. Uno stato confusionale con svenimento, evidenzia una condizione estrema di sofferenza. Il cane perde il controllo della vescica e dell’intestino, quindi del corpo crollando a terra. Potrebbero sopraggiungere convulsioni più o meno violente;
    6. Debolezza e stato di incoscienza sono due campanelli di allarme molto seri, in particolare se il cane non reagisce. 

Ecco cosa fare, seppur avendo preso le giuste precauzioni, il cane presenta uno di questi sintomi.

Una volta riconosciuto i sintomi, come prima cosa occorre spostare l’animale in un posto fresco, ombreggiato e possibilmente ventilato, portandolo via dal caldo più forte.



Poi occorre abbassare la temperatura corporea applicando un panno bagnato con acqua fresca (ma non ghiacciata) su testa, collo, gola e zampe.

Mentre si applica il panno bagnato fresco è opportuno massaggiare il cane delicatamente per favorire il ripristino della corretta circolazione sanguigna.

Dirigersi il prima possibile da un veterinario per un check-up che escluda complicazioni.

Prevedere almeno un paio di giorni di riposo assoluto in un ambiente fresco senza sottoporre il cane a ulteriori stress (per esempio un viaggio in auto).

 

Fonte : WEB


(Visited 2.017 times, 1 visits today)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi